Cyberbullismo Ordinamento Alunni adottati DSA e BES Valutazione e autovalutazione delle scuole Alunni stranieri Privacy e scuola Normativa antipedofilia Salute e scuola Disabilità Indicazioni nazionali e linee guida Esame di Stato conclusivo del primo ciclo e del secondo d'istruzione Titoli conseguiti all'estero Gite scolastiche Atti MIUR Scuole paritarie e non paritarie Formazione iniziale docenti Leggi e Decreti
Edifici e sicurezza 5 per mille Diritti Editoria
News
DSA e BES
22/11/2013 Nota MIUR del 22 novembre 2013 n. 2563 - Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali. A.S. 2013/2014. Chiarimenti.
Con questa nota il MIUR fornisce spiegazioni soprattutto sul tema dell'inclusione e del relativo Piano facente parte del POF e coe tale presente in ogni scuola.
Scarica il file allegato >>


27/06/2013 Nota MIUR del 27 giugno 2013 n. 1551 - Piano Annuale per l’Inclusività – Direttiva 27 dicembre 2012 e C.M. n. 8/2013 In questa nota il MIUR fornisce ulteriori chiarimenti sul PAI (Piano Annuale di Inclusività).
Scarica il file allegato >>


17/04/2013 Decreto MIUR 17.04.2013, prot. n. 297 - Linee guida per la predisposizione dei protocolli regionali per le attività di individuazione precoce dei casi sospetti di DSA.
Con questo decreto si forniscono i criteri per l'individuazione precoce del DSA nella scuola dell'infanzia e in quella primaria.

Scarica il file allegato >>


06/03/2013 C. M. 6 marzo 2013 n. 8 - Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 “Strumenti d’intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica”. Indicazioni
operative.
La circolare fronisce ragguagli sulla materia in oggetto, ponendo l'accento sul Piano Annuale di Inclusività elaborato dai GLI (Gruppo di Lavoro per l'Inclusione)  presenti nelle istituzioni scolastiche.
Scarica il file allegato >>


27/12/2012 Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 - Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l'inclusione scolastica. Con questa normativa il legislatore introduce nel nostro ordinamento la figura del BES riferita ad alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio sociale e culturale, disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse.
Scarica il file allegato >>




1 2 NEXT


Dona il 5x1000

Il cinque per mille indica una quota dell'imposta IRPEF che lo Stato italiano ripartisce, per dare sostegno, tra gli enti che svolgono attività socialmente rilevanti (ad esempio non profit, ricerca scientifica). Il versamento è a discrezione del cittadino-contribuente, contestualmente alla dichiarazione dei redditi.
C.F. 97086160583